Piano di Zona

I TAVOLI TEMATICI

Il Tavolo Tematico è un organo essenziale che contribuisce alla governance del Piano di Zona. I tavoli possono essere considerati dei veri e propri laboratori tematici che forniscono elementi essenziali alla lettura della domanda sociale e sono fondamentali per la programmazione della rete locale degli interventi. Il Comune di Corigliano-Rossano ha predisposto in questi giorni l’avvio dei lavori dei Tavoli Tematici la cui importanza è vitale al fine di consolidare un sistema di rete che coinvolga non solo l’ente pubblico, ma anche le risorse della società civile organizzata. A tal fine sono stati calendarizzati tutti gli incontri dei tavoli permanenti con l’obiettivo di giungere entro il mese di Dicembre del 2020 alla stesura degli atti che devono essere presentati a corredo essenziale del Piano di Zona. La partecipazione dei vari Enti ai Tavoli Tematici, è stata avviata invitando le associazioni presenti sul territorio, sia pubbliche che private, a nominare i loro rappresentanti in ciascuno dei Tavoli Tematici o in quelli ai quali sono maggiormente interessati a partecipare rispetto all’area tematica ivi trattata. Il Comune di Corigliano-Rossano (Comune capofila dell’ambito) ha nominato un Coordinatore dei Tavoli Tematici ed un proprio referente per ognuno dei Tavoli.

AVVIO PIANO DI ZONA

Il Comune di Corigliano-Rossano, con un incontro tenutosi presso il Castello Ducale di Corigliano il 24 settembre 2020, ha introdotto i lavori di avvio del Piano di Zona.

E’ questa un’occasione importante che viene offerta alle comunità locali dando alle stesse modo di valutare, programmare ed immaginare il proprio sviluppo. Esso deve essere considerato come un vero e proprio piano regolatore del modo in cui i servizi alla persona operano e si attivano.

L’introduzione del Piano di Zona genera cambiamenti importanti nella programmazione delle politiche sociali: si arricchiscono gli strumenti e le potenzialità delle politiche sociali, passando da un sistema di government a quello di governance. (Il termine governance è l’evoluzione del concetto di government, termine che richiama un tipo di azione intrapresa dallo stato centrale con poca possibilità di mediazione delle scelte gestionali da parte di terzi).

Il Piano di Zona viene programmato in modo congiunto con l’ASL e a livello locale, nell’ambito territoriale di competenza. E’ uno strumento di programmazione territoriale concertata e partecipata. Gli attori coinvolti in questo processo di progettazione sono molteplici: il Comune, le ASL, la provincia, il Terzo settore, gli enti gestori dei servizi sociali, i soggetti espressione dell’associazionismo ma anche i CITTADINI che intendono contribuire al processo di elaborazione del piano.

 Con l’ausilio del Piano di Zona il Comune disegna il sistema integrato degli interventi e dei servizi sociali nell’ambito territoriale di competenza. Esso viene adottato attraverso uno specifico strumento giuridico: l’accordo di programma, con il quale i soggetti coinvolti si assumono la responsabilità di realizzare quanto è stato concordato insieme.

SCHEMA DI ATTUAZIONE PIANO DI ZONA

Il settore Politiche di Promozione Sociale del Comune di Corigliano-Rossano promuove e sostiene il riordino, il potenziamento e la messa in rete di interventi e di servizi sociali creando un “sistema” che li programmi e li realizzi.

I PIANI DI ZONA rappresentano una importante soluzione alla domanda regionale di miglioramento e sviluppo dei sistemi locali di welfare. Si sono infatti rivelati strumenti efficaci per promuovere il governo integrato delle risorse e delle responsabilità su scala territoriale omogenea. 

Il Piano di zona è l’occasione offerta alle comunità locali per leggere, valutare, programmare e guidare il proprio sviluppo e va visto e realizzato come piano regolatore del funzionamento dei servizi alle persone.

I Sindaci, riuniti nella Conferenza dei Sindaci negli ambiti pluricomunali, sono i soggetti che promuovono e curano la predisposizione del Piano di Zona. Essi coinvolgono, nelle diverse fasi e nel rispetto delle specifiche competenze di ognuno, tutte le istituzioni pubbliche, le istituzioni private, le famiglie e tutti i soggetti della solidarietà organizzata presenti nell’ambito territoriale e disponibili a collaborare, così come in realtà stabilisce la nuova Legge Quadro sui Servizi Sociali (328/00).

In allegato lo Schema di Attuazione Piano di Zona previsto dal comune di Corigliano-Rossano.